Continua il nostro viaggio alla scoperta di percorsi gustativi altamente sensoriali. Protagonista di oggi le vongole: ingrediente che non può mancare nella cucina di tutti noi. Dalle innumerevoli proprietà benefiche e dal gusto esclusivo ed unico, oggi scopriremo insieme come realizzare una ricetta tanto tradizionale quanto innovativa. Seguici passo dopo passo!


Ingredienti e tempo di preparazione

 

Prendi foglio e penna e segna gli ingredienti necessari per realizzare questa fantastica ricetta per 4 persone: 

  • 500 ml di latte
  • 250 gr di patate
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 peperoncino fresco
  • erba cipollina
  • 500 gr di vongole
  • 400 di paccheri

 

Procedimento

 

Il primo passaggio è pelare le patate con molta attenzione. Una volta pelate, bisogna tagliarle a fette e riporle in una ciotola. Aggiungere i 500 ml di latte e uno spicchio d’aglio (senz’anima) e portare ad ebollizione il latte. Ci raccomandiamo al fuoco: deve essere a fiamma moderata e non alta altrimenti le patate non usciranno mai morbide. 

Raggiunta la giusta consistenza (ovviamente ti consigliamo di assaggiare se le patate sono cotte), occorre rimuovere lo spicchio d’aglio e riporre soltanto le patate in una ciotola pulita.

Ora bisogna frullarle, attraverso l’utilizzo di un frullatore ad immersione, e aggiungere poco alla volta il latte, fino a quando non otterremo una crema liscia e setosa (che non deve essere troppo densa).

Ora passiamo alle vongole: prendiamo una padella, aggiungiamo  uno spicchio d’aglio e olio quanto basta, un peperoncino fresco e lasciamo soffriggere per pochi minuti. In un secondo momento aggiungiamo le vongole fino a completa apertura. Una volta aperte, spegniamo il fuoco, sgusciamo la maggior parte tenendo comunque da parte qualche vongola con il guscio che ci servirà per la decorazione.

All’acqua delle vongole, occorre aggiungere, sempre a fuoco spento, la crema di patate al fine di incorporarla delicatamente nel composto, aggiungendo l’erba cipollina.

Nel frattempo, occorre cuocere i paccheri in abbondante acqua salata e scolarli tre minuti prima della cottura indicata sulla confezione. Una volta scolati, bisogna unirli alla salsa preparata (con vongole e crema di patate) e mantecare per gli ultimi tre minuti di cottura.

Non ci resta ora che impiattare, decorando con le vongole con guscio che avevamo conservato, erba cipollina e qualche lamella di peperoncino fresco.

Fotogallery

Pelare le patate con cura

Pelare le patate con cura

Sbucciare l'aglio attentamente

Sbucciare l’aglio attentamente

Schiacciare l'aglio e togliere l'anima

Schiacciare l’aglio e togliere l’anima

Scaldare l'olio in padella

Scaldare l’olio in padella

Prendere le vongole

Prendere le vongole

Versare le vongole in padella

Versare le vongole in padella

Calare la pasta in acqua portata ad ebollizione e salata

Calare la pasta in acqua portata ad ebollizione e salata

Sgusciate le vongole

Sgusciate le vongole

Versate la crema di patate precedentemente preparata

Versate la crema di patate precedentemente preparata

Versare l'erba cipollina tagliata a tocchetti

Versare l’erba cipollina tagliata a tocchetti

Mantecate la pasta con la crema di patate e vongole con erba cipollina

Mantecate la pasta con la crema di patate e vongole con erba cipollina

Impiattate e servite ancora calda. Buon Appetito!

Impiattate e servite ancora calda. Buon Appetito!

 

La biografia dello Chef

 

Lo Chef che ha realizzato questa gustosa ricetta per voi è Carmine Cotronese, anno 1988. Da sempre alla ricerca di sapori nuovi, di tecniche di cottura innovative, ama sperimentare gli abbinamenti tra alimenti, in un percorso innovativo, pur preservando la tradizione della sua terra. Dopo anni di esperienza a Londra e in Italia, finalmente sta per realizzare il suo sogno, ossia quello di aprire una propria attività ristorativa nel centro di Caserta, all’ombra della Reggia. La sua missione ? “Proporrò, insieme al mio socio e amico Giuseppe, una cucina delicata, fine, alla ricerca della del gusto e del sapore con l’utilizzo delle ultime tecniche nel mondo della cucina”.